• 2minuti del tuo tempo per leggere questo articolo

La Riforma Abilitante 1.11 del Pnrr ha come obiettivo la riduzione dei tempi di pagamento delle P.A. e prevede che entro il primo trimestre 2025 e successivamente entro il primo trimestre 2026, siano conseguiti specifici target. In termini di tempi di pagamento, l’obiettivo da raggiungere è fissato in 30 giorni per l’indicatore del tempo medio e riguarda tutta la  P.A. ad esclusione degli enti del Servizio Sanitario per i quali è di 60 giorni.  Il target per l’indicatore del tempo medio di ritardo è fissato “zero” per tutti. Gli indicatori verranno calcolati su un volume di pagamenti almeno pari all’80% dell’ammontare dell’importo dovuto delle fatture ricevute nell’anno 2024, e almeno pari al 95% dell’ammontare dell’importo dovuto delle fatture ricevute nel 2025.

Ora, il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, con la circolare n. 1/2024 (Disposizioni in materia di riduzione dei tempi di pagamento delle P.A. in attuazione dell’art. 4 bis del dl 24  febbraio 2023 n.13 convertito con la legge 21 aprile 2023 n.41) fornisce le prime indicazioni operative volte al raggiungimento degli obiettivi previsti dalla Riforma 1.11 abilitante del Pnrr anche a seguito delle modifiche al piano approvate dal consiglio Ecofin in data 08.12.2023.

Con l’esercizio 2024 scatta l’obbligo di adeguamento dei contratti individuali dei responsabili dei pagamenti delle fatture commerciali (dirigenti o p.o.) ai quali dovranno essere assegnati specifici obiettivi annuali relativi al rispetto dei tempi di pagamento nell’ambito dei sistemi di valutazione della performance previsti dai diversi ordinamenti. Al raggiungimento degli obiettivi, andrà correlato il riconoscimento della retribuzione di risultato per una quota di peso non inferiore al 30 per cento.

La circolare ricorda che il superamento del termine di pagamento è consentito solamente dove ciò è previsto dalla particolare natura del contratto qualora la relativa clausola sia stabilita per iscritto.

Una parte della circolare è dedicata ai compiti assegnati all’organo di controllo di regolarità amministrativa e contabile chiamato a verificare la corretta attuazione della normativa. Le risultanze dei controlli dovranno essere oggetto di specifica descrizione nell’ambito della verbalizzazione delle riunioni collegiali.

 

(foto di Steve Businne – Pixabay)

Responsabile Area Contabile di Kibernetes | + articoli

Laureato in Economia Aziendale, Indirizzo Matematico all'Università "Ca' Foscari" di Venezia, è il Responsabile e coordinatore del team di esperti per l'Area Contabile Kibernetes.
Formatore abilitato dal FUAP, è stato docente ai Master MIMAP dell'Università Tor Vergata. È autore di diversi articoli specialistici pubblicati su Italia Oggi e IlSole24Ore.